Pubblicato da: paroleingiaccablu | 14/07/2014

Assolti per violenza, i poliziotti sono stanchi!!!

 

Chi ha rispetto delle forze dell’ordine ?
La risposta può essere semplicemente lapidaria: praticamente nessuno!!
Le ragioni sono molteplici e non mancano certo le responsabilità proprie di chi la divisa la indossa, del resto la cronaca non risparmia scandali sotto ogni punto di vista.
Da chi ruba, a chi truffa, a chi picchia, a chi è violento, a chi arresta senza titolo, a chi perquisisce arbitrariamente l’elenco dei reati dei pubblici ufficiali in uniforme potrebbe essere ancora lungo e a parte lo scandalo moltissime di quelle storie, strombazzate ai quattro venti in maniera spesse volte gratuitamente denigratoria, di solito nemmeno sappiamo come sono andate a finire.
Del resto non importa, nel mondo della delazione a tutti i costi, del business dello scandalo, a chi potrebbe mai importare ?
Al cittadino piace sentirsi raccontare dello sbirro sporco e corrotto e non certo delle migliaia di divise che in questo momento operano nel massimo della correttezza e della legalità.
Sono tante comunque le mortificazioni che investono le giacche blu oltre alla ormai proverbiale sfiducia che moltissimi cittadini ripongono nelle forze dell’ordine.
Dall’esiguità dei mezzi, agli stipendi che di fatto calano, dal lavoro che aumenta e che deve essere affrontato con sempre meno risorse ,le frustrazioni degli operatori della pubblica sicurezza non accennano a diminuire, anzi, probabilmente aumentano.
Così che a seguito di un brillante arresto molto più semplice, come se prima non lo fosse,  è vedere il proprio arrestato ritornare libero ancor prima che gli operatori concludano gli ultimi incartamenti da presentare ai giudici.
Una realtà ben nota da tempo agli appartenenti alla categoria ma messa nero su bianco da Repubblica che denuncia una situazione al limite del grottesco di cui la politica sembra non avere la forza di poter porre un rimedio (http://bologna.repubblica.it/cronaca/2014/07/06/news/scarcerati_per_decreto_lallarme_dei_giudici_cos_pi_criminalit-90819128/ )
Infatti per una pena che verosimilmente, a sentenza, potrebbe essere inferiore a tre anni, per legge non possono essere più mandati in carcere coloro i quali si sono macchiati anche di importanti reati come lo spaccio di droga al minuto, ad esempio,  per non parlare anche di furti e alcune tipologie di rapine, reati che incidono sensibilmente in termini di allarme sociale.
E la  tutela delle donne, della violenza sulle stesse in particolare per quanto riguarda lo  stalking ? Questi per lo stesso principio saranno liberi ancor prima di poterli arrestare per davvero. (http://www.laleggepertutti.it/53367_stalker-da-oggi-a-piede-libero-abrogata-di-fatto-la-custodia ) .
Come possono essere timorosi i nostri delinquenti dell’opera quotidiana che prestano le forze dell’ordine se il quadro normativo posto a tutela del cittadino e facente parte del loro lavoro si muove in un contesto di questo genere ?
Come si fa poi a non biasimare le parole del sindacalista del COISP Emiliano Bianchi di Savona “I poliziotti Italiani non ce la fanno più”. Affranto, deluso e arrabbiato da una sentenza che di fatto ha liberato degli stranieri violenti, motivata dalla loro non conoscenza della lingua italiana !!!  (http://www.sostenitori.info/profughi-in-liberta-dopo-aver-aggredito-gli-agenti-i-poliziotti-italiani-non-ce-la-fanno-piu/ )
Perché la violenza ha bisogno di essere compresa nella sua accezione strettamente linguistica o la stessa può avere connotati di comprensione universali ?
Bisogna leggere le motivazioni, certo ma fa tanta rabbia lo stesso perchè se mi faccio male durante il servizio nessuno mi tutela ma se sono io a dover far male a qualcuno molto più facilmente io stesso dovrò assumermi l’onere di pagare quantomeno un avvocato!!
Una storia che ha dell’incredibile ma che evidenzia lo stato di frustrazione, delusione e stanchezza che la categoria vive quotidianamente a cui, per mille ragioni, non può mettere in atto alcuna contromisura.
Del resto quale muratore continuerebbe a costruire un muro che tutte le volte che viene eretto crolla inesorabilmente per motivi non dipendenti dalla sua incapacità ?
…è vero i poliziotti sono stanchi ma nonostante tutto non si toglieranno mai per davvero il casco dalla testa.

 

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Responses

  1. L’ha ribloggato su l'ombra esiste solo dove c'è la luce.

  2. purtroppo si sono fatti le leggi a loro uso e consumo così nessuno paga, non mi sembra giusto che uno rischi la vita per pochi soldi e non avere i mezzi per lavorare, però purtroppo anche li come in qualsiasi lavoro c’è la mela marcia e la stampa strombazza su questo , mi dispiace queste persone non dovrebbero mettere la divisa la disonora e disonora tutti voi. scusa sono stata lunga ma questo è il pensiero e non voglio offendere nessuno buona serata

  3. …vorrei fare solo una domanda:…e se i nostri “SBIRRI” incrociassero le braccia……e non ci sarebbe nessuno a difendere a correre in caso di pericolo..noi tutti politici compresi che facciamo??..ci attacchiamo….al tram!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: