Pubblicato da: paroleingiaccablu | 11/08/2017

…a Firenze “Volano” pistole….

spari20via20marconi-krae-640x360corrierefiorentino-web-firenze

E’ una calda estate, anzi bollente, sul fronte della protezione sociale e della pubblica sicurezza, si susseguono infatti notizie di una certa gravità che palesano sempre di più ogni giorno che passa il difficile momento sociale che stiamo attraversando.
Tra le tante notizie che scorrono sugli head lines non sfuggono certamente quelle dove immigrati stranieri si lanciano sulle pistole degli agenti di polizia ingaggiando pericolosi corpo a corpo che, almeno per il momento, non hanno comportato esisti infausti.
Dopo aver visto un agente della Polizia Locale di Firenze letteralmente aggrovigliato per cercare di tornare in possesso della sua pistola di ordinanza strappatagli da un immigrato in escandescenze ( http://iltirreno.gelocal.it/regione/2017/07/31/news/ruba-la-pistola-al-vigile-urbano-e-spara-in-aria-1.15678708) sempre a Firenze, stavolta alla stazione centrale, abbiamo assistito al medesimo copione con il protagonista (vittima) un agente della Polizia Ferroviaria ( http://www.firenzetoday.it/cronaca/stazione-pistola-polizia-passeggeri-treno.html ) …..verrebbe quasi da dire che a Firenze “volano pistole”.
Da questi episodi di cronaca spesso scaturiscono feroci critiche in particolar modo dagli stessi operatori del settore che seduti comodamente dietro uno schermo commentano da maestrini quanto accaduto ad altri loro colleghi, con quella saccente verve di chi non avrebbe mai sbagliato.
Un pulpito quello delle divise social estremamente variegato e pittoresco e che vede i commenti più feroci provenire da chi in mezzo alla strada a fare l’operativo vero non c’è mai stato….nulla di strano, del resto gli italiani sono tutti “allenatori”.
Guardare a queste notizie con spirito saggio e critico è un bene, sparare a zero sulle “Guardie” invece è un esercizio fine a se stesso che non aiuta a capire i motivi per cui in una sola settimana, a Firenze, sono “volate” due pistole.
Mentre per l’agente di Polizia Locale pare siano in corso accertamenti per spiegare come sia accaduto (anche perché personalmente ignoro quali siano le dotazioni di sicurezza che la Polizia Locale di Firenze ha a difesa dell’arma da fuoco) per l’agente della Polfer posso sicuramente dire che parte del problema risiede  in quella fondina di pelle ormai assolutamente inadeguata ai mutati scenari operativi.

polizia-ferroviaria-polfer-03
Sempre più spesso la cronaca denuncia assalti alle fondine ma con troppa lentezza si sta provvedendo alla sostituzione delle stesse, almeno per quanto riguarda la Polizia di Stato.
Da tempo gli equipaggi delle squadre volanti hanno cambiato questo importante presidio per la ritenzione dell’arma, oggi infatti gli operatori del 113 girano con una fondina estremamente più sicura, più lente invece pare siano le distribuzioni per altri reparti come la Polfer e  la Stradale.
Per prevenire eventi di questo genere sono pochi e solidi gli strumenti necessari: addestramento, mentalità ed equipaggiamento perché, come ho letto da qualche parte, il 25% degli operatori di polizia rimane ferito a causa della sua stessa pistola poiché sottratta dal balordo di turno….è necessario abbattere ulteriormente quella percentuale dando immediatamente a tutti gli operatori della Polizia di Stato la fondina a più elevata ritenzione.
…in questo “anno di corsa”, evidentemente, su questa situazione bisogna accelerare.

In Giacca Blu – Michele Rinelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: