MATTEO E PIERLUIGI POTEVAMO ESSERE NOI!

Due dei nostri non ci sono più!
Due fratelli di giubba, due uomini della prima linea, due persone al servizio della nostra sicurezza poco più che trentenni…. troppo pochi per morire!
Caduti per servizio, nell’adempimento del dovere, i primi, forse, a subire in maniera devastante l’uso spropositato dei social, con tanto di audio e immagini che sarebbero dovuti rimanere all’interno dei canali “istituzionali” i cui divulgatori probabilmente subiranno pesanti conseguenze disciplinari.
Tra una diceria, una voce eccessiva, una convinzione dettata dalla emotività del tragico momento, Matteo e Pierluigi sono morti tra le chiacchiere, i presunti scandali, tra immani e irripetibili sciocchezze magari per la voglia di avere qualche minuto di notorietà social.
Come sono morti ma soprattutto perchè sono morti Matteo e Pierluigi dovrà essere materia di studio serio, non di scandalo, il perché non li abbiamo restituiti alle loro famiglie in salute, come ogni giorno, dovrà essere la normale reazione di un sistema serio… o almeno vorremmo che così fosse.
Matteo e Pierluigi sono morti nel luogo che dovrebbe essere tra i più sicuri, la Questura, Matteo e Pierluigi devono essere la nostra coscienza ma anche quella di un sistema che continua a non ragionare su tante cose, a non voler dare tante dotazioni, che sciorina slogan ma non pensa ad aumentare, al netto degli errori inevitabili, le possibilità di sopravvivenza dei propri uomini.
Non basterà rimuovere qualche funzionario o prendersela con il Questore, persona peraltro di elevatissime capacità e virtù dimostrate in altri ambiti, noi abbiamo bisogno di lavorare seriamente, di pensare seriamente a quello che siamo, alla nostra missione e come farla nel migliore dei modi con i giusti strumenti.
…. Chi segue questa pagina sa che da tempo si chiedono i giubbotti antiproiettile sottocamicia, indossabili per tutto l’arco del turno di servizio… Che, in questo caso, come in tanti altri casi, sarebbero stati utili.
E scusate se qualcuno pensa sia una speculazione questa ma Matteo e Pierluigi potevo essere anch’io.

In Giacca Blu – Michele Rinelli

3 pensieri su “MATTEO E PIERLUIGI POTEVAMO ESSERE NOI!

  1. Quello che più ci ha sconvolto è stato il video in cui si sente la voce di uno degli agenti che chiedeva aiuto e si stava rendendo conto che la morte era vicina. La persona che ha fatto il video e poi ha fatto in modo di renderlo pubblico è una persona senza morale. Onore e rispetto a tutte le forze dell’ordine

  2. Alessandro Molinari

    Parole meravigliose Michele, molto ponderate e concrete. Mi unisco al dolore rifuggendo da strumentalizzazioni e polemiche stantie quanto inutili, ben pensando che poteva succedere ovunque. Credo che, la maniera migliore per poter onorare questi due servitori dello Stato, sia proseguire nell’adempiere a quanto il giuramento ci chiese tanti anni fa, adoperandoci in silenzio e costanza, elaborando col dialogo costruttivo e il sano confronto, un domani migliore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...