Pubblicato da: paroleingiaccablu | 20/04/2017

Trieste, 20 aprile 1999…

Li guardavo con rispetto e ammirazione, avevano il volto dell’esperienza, di coloro i quali ne avevano viste tante e che avrebbero potuto insegnarti tutto; non erano però tutti uguali, anzi, molti avevano anche il volto stanco di chi, nemmeno a 40 anni avevano già detto basta.
Quei tre baffi rossi da “Assistete Capo” erano il simbolo dell’esperienza lontana che, ingenuamente, credevi fosse troppo distante per pensare di poterci arrivare anche tu…ma oggi, dopo 18 anni esatti ti guardi allo specchio e invece ci sei, ciò che credevi, con innocente arroganza, non ti sarebbe mai riguardato invece tocca anche te.
…sono qui, eccoli, sono 18, sei diventato maggiorenne , diciotto anni in Giacca Blu con tre baffi rossi…. (caxxo quanto erano vecchi quei panzuti colleghi!!)
Avevo solo 22 anni, tanti sogni, tante speranze, tante giovani e puerili illusioni che ringrazio comunque di aver avuto, senza di esse non sarei mai arrivato sino a qui.
Perché 18 anni di sevizio non sono poi così pochi ma nemmeno tanti, diciamo che siamo a metà strada prima di appendere il cinturone al chiodo.
Io, che volevo fare il Carabiniere e che per “gioco”,  per uno scherzo del destino, mi ritrovo in polizia non posso che dire grazie a una istituzione che mi ha fatto fare tante cose e che, in fondo,vorrei me ne facesse fare altrettante…..
Certo non ho piu la la freschezza di quei fantastici anni della giovinezza che non ti renderai mai conto di quanto erano unici e meravigliosi fino a quando non li vedi, non li leggi negli occhi di coloro i quali oggi erano te, in un misto di rimpianto e consapevolezza che la vita passa ed è bello così… perché ti mette di fronte a nuove e diverse sfide che senza esperienza non potresti mai affrontare.
Sono 18 anni di delusioni, di soddisfazioni, di incontri e scontri, di nemici, amici, invidie, problemi e soluzioni, 18 anni con indosso una divisa di cui spesso pesa il valore e il giudizio che suscita, con la speranza che tu, che la indossi, possa sempre essere dalla parte giusta….perché il solo fatto di indossarla non basta!
…ed era il 20 aprile 1999, era a Trieste, caserma San Giovanni, era il mio primo giorno nella Polizia di Stato,  il primo giorno in Giacca Blu….era e continua ad essere, perché in fondo quella divisa, questo lavoro è per sempre.
Buon diciottesimo a tutti noi, agli allievi del  “148° Allievi Agenti della Polizia di Stato”

In Giacca Blu – Michele Rinelli

Annunci

Responses

  1. Quanto è bello guardare indietro, e rimembrare quei momenti di smarrimento, timore ed entusiasmo, che scandivano l’ideale assemblamento fra la persona che si era, e il ruolo che l’uniforme ti avrebbe imposto. Peccato, almeno per me, vedere la deriva di un corpo sempre più funestato da individualismi e abbattimenti. Competente solo a produrre immagini, ma carente di quella sostanza interna, che dovrebbe alimentare la convinzione che, non si è qui solo per il 27. Quanto più cuore esisteva, in quelli anni dove da poco si erano tolte le stellette (ahimè), e quanto più abbandono e polemica scandisce il tirare avanti di tutta questa gente ingrigita e demotivata.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: