Pubblicato da: paroleingiaccablu | 15/05/2014

74° Corso Istruttori di Tiro – Grazie a tutti

 

Le eccellenze resistono per quanto lo spirito degli italiani solitamente tenda a mortificare tutto ciò che gli appartiene.
Questa volta parlerò di un’ eccellenza tutta Italiana, di un manipolo di persone che durante tutto  l’anno conservano, tramandano, migliorano le conoscenze legate al tiro di polizia. Queste persone custodiscono questi saperi presso il CNSPT di Nettuno (Rm).
In quell’acronimo Centro Nazionale Specializzazione Perfezionamento Tiro è racchiusa l’essenza di una materia che nasce in Italia a cavallo tra i convulsi anni ’70 e i migliori ’80, in quell’Italia lacerata dal terrorismo e dalla voglia di ricominciare anche con una nuova Polizia. Di li a poco infatti si sarebbe attuata la storica riforma della pubblica sicurezza del 1981.
A quel tempo, un gruppo di persone con particolari attitudini nel tiro con le armi da fuoco furono scelte all’interno del neonato corpo della Polizia di Stato e inviate in Francia dove da qualche tempo era già nata la scuola per “Moniteur de Tir”. Così sotto la guida del Colonnello Vincenzo Ferraro, nacque l’attuale centro di specializzazione nel tiro dove quel manipolo di avventurieri iniziarono anche in Italia  la loro opera di formazione e divulgazione delle tecniche di tiro di polizia. Così che da oltre 30 anni a Nettuno si conservano, tramandano e migliorano le metodologie di insegnamento e perfezionamento del tiro per le forze dell’ordine.
Da quell’epoca ad arrivare ad oggi di strada ne è stata fatta tanta e ancora tanta bisogna farne, le tecniche e i metodi sono mutati e migliorati e la ricerca in tal senso non si deve  interrompe tanto che il CNSPT è diventato un riferimento anche forense a livello nazionale.
Gli istruttori di questo centro, quotidianamente impiegati nella formazione del personale della Polizia di Stato, continuano di fatto l’opera di divulgazione e ricerca sul tiro cominciata dal Col. Ferraro insieme ai suoi pionieristici collaboratori  avvalendosi ad oggi anche di strutture moderne quali un simulatore multimediale tra i più moderni in Europa.
In questa cornice e in questo contesto non privo di difficoltà per chi come me ha già qualche capello bianco in testa, e che ritorna dietro i banchi di scuola, si è conclusa la mia personale esperienza presso il CNSPT, orgoglioso frequentatore  del 74° Corso per istruttori di tiro.
In questa eccellenza, chiusa all’interno dell’Istituto per Ispettori di Nettuno (Rm), abbiamo passato 12 settimane della nostra vita cercando di acquisire quante più nozioni possibili sull’interessante mondo del tiro ma soprattutto come fare in modo che quei pezzi di ferro diventino utili e mai dannosi strumenti di salvaguardia dell’incolumità nostra e del cittadino.
Un luogo di cultura dove tanto è necessario investire sia in termini umani che finanziari; un patrimonio imprescindibile della nostra Polizia che è dovere di tutti salvaguardare.
Basilare, essenziale, determinante è stato quindi l’addestramento, spesso duro, impartito dai colleghi già istruttori del CNSPT che con enorme pazienza e alle volte con durezza, ci hanno fatto riflettere sull’importanza di tale qualifica e di quanta responsabilità umana e professionale è in capo a chi, da oggi in avanti, curerà, ciascuno presso il proprio reparto, l’addestramento al tiro di chi custodisce la civile e serena convivenza dei cittadini italiani.
Per questo valore aggiunto, per tutto ciò che in questi mesi ci è stato detto e dato, anche se la critica è la benzina della crescita, è mia intenzione comunque  ringraziare pubblicamente il corpo docente del CNSPT, senza escludere nessuno.
Oltre all’aspetto istituzionale non potrò mai dimenticare i miei colleghi di corso e quella parte ludica legata a questa esperienza, al bello della vita di caserma, agli sfottò e alle macchiette nate da questi tre mesi insieme.
Ai ritornelli scanzonati, alle facce, alle foto, ai video e a tutti quei momenti, extra addestramento, che solo un capitale umano particolare e variegato, e forse un po’ “pazzo”, come quello della Polizia di Stato può dare.
A tutti voi 19 amici del 74° corso Istruttori di Tiro il mio personale grazie per quanto siamo riusciti a fare insieme così che tutto questo tempo trascorso in compagnia potesse rimanere indelebilmente nell’album dei bei ricordi.
E quando qualcuno mi chiederà “a chi” è successo tutto quello qui descritto, penserò a tutti voi…e a qualcos’altro che qui, nel mio BLOG,  non posso scrivere!
Grazie al CNSPT e ai suoi istruttori per quello che ci hanno insegnato e per quello che grazie a loro dovremo ancora dare e imparare…. ma un grazie sopratutto agli amici e colleghi del 74° Corso Istruttori di Tiro .

24 Febbraio – 16 Maggio 2014

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: