Pubblicato da: paroleingiaccablu | 22/03/2014

“NO ROM!” – Razzismo o reazione ?

Scorrere la cronaca è spesso fonte di riflessione specie se si balzella da un capo all’altro d’Italia; si capisce infatti  la strisciante tendenza di un popolo incapace di tutelare se stesso.
Così che nella fiera dell’assurdo non si può che rimanere disturbati da ciò che sembra essere accaduto nei pressi di Bologna.
La vittima, un marchigiano, si vede sottrarsi, come accade a tanti, il suo camper, un mezzo che sappiamo avere anche un certo valore in termini economici ed affettivi.
Il nostro non si perde d’animo e dopo la denuncia di prassi alle autorità utilizza le nuove tecnologie di internet per allertare anche i cybernauti di quanto gli era stato sottratto.
Ecco giungere qualche giorno fa proprio dal web  la segnalazione da Bologna, in un campo nomadi spunta il suo veicolo, si precipita nel capoluogo felsineo felice di averlo ritrovato.
Chiamata la polizia il cittadino è sicuro di poter riavere il maltolto ma le pieghe della giustizia si divaricano molto spesso tra il concetto teorico e quello sostanziale.
Infatti secondo quando riporta il corriere adriatico all’incredulo cittadino italiano viene negata la possibilità di poter riavere il mezzo in quanto quei nomadi non possono essere lasciati in mezzo alla strada.
Così quello che il codice penale individua come il ricettatore diventa probabilmente il custode giudiziale del veicolo con il beneficio di poterlo utilizzare come privata dimora. ( http://www.corriereadriatico.it/MACERATA/porto_recanati_camper_capitanelli_ritrovato_campo_rom_ma_resta_agli_zingari/notizie/586151.shtml )
Cosa potrà pensare ora quell’onesto cittadino di questa strana e contraddittoria Repubblica capace di tutelare in primis chi vive, evidentemente, di sotterfugi e prevaricazioni ?
Un Italia la nostra  che perde la bussola, le ragioni della sua esistenza, che evidentemente fatica a dare ordine alle cose, che ha smarrito la netta divisione tra giusto e sbagliato e che forse dovrebbe recuperare il vero significato di gesti, parole e sentimenti.
Di cronaca in cronaca scendiamo a Roma, in quella capitale millenaria e cosmopolita che di certo in qualche modo cerca di reagire allo sbando di questi tempi ma i poteri forti o comunque i pensieri che contano sono altri.
La notizia che suscita scandalo e irrita i benpensanti scatena le opinioni degli abitanti del quartiere Tuscolano dove un panettiere decide di affiggere fuori dalla sua attività commerciale un cartello “Vietata la sosta e l’ingresso agli Zingari”.
Un cartello che evidenzia quanto sia scesa in basso la tolleranza delle persone e che peri più è solo becero razzismo.
Le reazioni a quel cartello razzista non si sono fatte certamente attendere e che hanno richiamato l’attenzione delle associazioni di categoria che hanno preteso la rimozione di quel cartello di divieto dietro la minaccia di far finire la vicenda in tribunale. (http://www.secoloditalia.it/2014/03/roma-vietato-lingresso-agli-zingari-il-commerciante-costretto-a-rimuovere-il-cartello-ma-il-web-e-solidale-con-lui/ )
Ciascuno in merito a queste due vicende  che hanno certamente un filo comune può pensare quello che meglio crede ma siamo sicuri che le reazioni indignate e le denunce urlate in un modo dal sapore xenofobo siano davvero l’ignorante e inaccettabile sentimento di chi non accetta la diversità ?
Siamo sicuri che le parole al grido razzisti non siano solo l’insulto alla disperazione di chi ormai è stufo di tollerare le logiche del sopruso ?
Non è che forse in Italia abbiamo perso l’esatto significato delle parole legate ai veri sentimenti e che forse è ora, in qualche modo, di rimettere a posto civilmente il giusto ordine delle cose ?
O dovremmo forse ricominciare a tollerare una sorta di minima violenza, che sia essa verbale o fisica affinché con la paura si possa ristabilire quell’equilibrio necessario alla convivenza di persone, popoli,culture e mentalità ?
Che la politica si svegli perché le risposte di molti potrebbero essere assai pericolose!

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Responses

  1. …..non sono mai stata razzista..però adesso si sta esagerando con questa falsa esterofilia….parlo per me..non ne posso più,ad ogni angolo ci sono “loro” con o senza un povero bambino in braccio a stendere la mano.Li trovi dappertutto e se non dai qualche cosa ti rivolgono parolacce nella loro lingua.Io sono per il:..”non dargli il pesce..insegnali a pescare”.Preferisco aiutare il mio “vicino”,un vecchietto che prende 500 euro di pensione,in italia c’è tanta gente che ha bisogno di aiuto!!!.per non parlare poi della delinquenza che è aumentata..ormai hanno superato di gran lunga gli italiani….stanno nelle carceri a spese nostre, sono tutelati dallo stato….mettono vincoli alla nostra cultura,alla nostra religione. A noi chi ci tutela???….chi ci governa…parla di questa o quella legge di quel paese o di quell’altro …ma non prendono mai esempio su come far rispettare le “nostre”leggi..come fanno gli altri stati…e mi fermo quì…senza andare nei dettagli !!..chiedo scusa ai lettori,ma ormai la situazione è diventata insostenibile.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: