Pubblicato da: paroleingiaccablu | 02/11/2013

Le “Mani Pulite” le abbiamo viste ma il “Potere Pulito” esiste ?

Dobbiamo cercare il cambiamento ma l’Italia non è capace di uscire dagli schemi, dalla congiura personale verso i singoli individui cercando invece di colpire un sistema e non il singolo attore del sistema stesso.
I parafulmini sacrificati allo status quo, che non deve mai modificarsi, sono stati tanti dal dopo guerra ad oggi, alcuni sono stati l’uno la conseguenza dell’altro ma nessuno ha mai voluto veramente colpire ciò che davvero dovrebbe essere modificato ossia il sistema.
Tutti siamo incardinati in sistemi e i sistemi dovrebbero modificarsi per evolvere,  la verità è che la mentalità italiana dai tempi del nepotismo papale ha sempre ragionato per caste, per dinamiche fisse, per metodi consolidati giusti o sbagliati che fossero quelli erano e quelli dovevano essere.
In oltre 50 anni di Repubblica,  all’alba della terza Repubblica, stiamo ancora a raccontarci che ci sono telefonate di favore, di uomini di potere che si rapportano con altrettanti individui di potere, la scoperta dell’acqua calda che a nulla serve se non per scandalizzare quella mandria d verginelle qual è il popolino.
Così perdiamo ore e ore a leggere del Ministro Anna Maria Cancellieri e del suo presunto intervento per agevolare l’uscita di galera  di Giulia Ligresti coinvolta in una di quelle tante storie di malaffare, tutta da verificare, che affollano le nostre cronache giudiziarie.
Ci scandalizziamo che uomini potenti conoscano altre persone altrettanto potenti e che per questo si scambino reciproci attestati di affetto che mai potremo sapere quanto, in base al loro potere, sia solo affetto o indebito interessamento a risolvere alcune questioni.
La verità è che ormai nessuno crede più alla buona fede dei potenti perché è instillato nell’immaginario collettivo il concetto che tutto ciò che riguarda il potere è profondamente marcio.
Con questo non voglio difendere il Ministro Cancellieri che avrà certamente modo di chiarire quanto accaduto vi è però un virus nell’odierna società che non ci consente di poter mettere da parte anche coloro i quali su certe vicende intendono semplicemente speculare politicamente.
Al di là della singola vicenda, al di la delle numerose situazioni dove la storia ha visto singoli esponenti di potere pagare per tutti in maniera eccessiva le incapacità dei sistemi, è ora di restituire ai cittadini italiani fiducia nelle istituzioni non solo cambiando le persone ma anche i messaggi di quei media che sembrano veicolati più dalla volontà di distruggere certi poteri forti che garantire un onesto servizio di informazione al cittadino.
La delazione quindi come unico sistema di ribaltamento dei pesi e non come onesto servizio di verità fornita a tutti i cittadini.
Non possiamo certamente rinascere a suon di speculazioni, non possiamo pretendere che i cittadini riacquistino fiducia nei sistemi e nei poteri con persone che in politica sono protagonisti  da diversi lustri grazie alle baronie, alle caste, ai nepotismi, cerchiamo piuttosto di annichilire il potere marcio restituendo al potere onesto, con una certa all’alternanza del nuovo,  la possibilità di dare risposte vere e concrete a tutti i cittadini.
Mi chiedo, però, cercando di estraniarmi da quel popolino che esulta su certe speculazioni mediatiche e di potere: esiste davvero un sistema di amministrazione dello stato pulito, onesto e corretto verso tutti ?

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Responses

  1. avete ragione

  2. Stavolta sono in linea con il tuo pensiero. Quante telefonate si fanno nel nostro piccolo per sapere di un amico, un parente, un conoscente di un amico o di un parente. Anche solo per sapere a che punto è la pratica? E noi siamo il popolino. Però è facile scagliarsi contro il potente di turno senza pensare se noi fossimo in quella posizione. Detto questo l’Utopia dello Stato ideale prevederebbe che telefonate simili non avvengano, ma è l’Utopia dello Stato ideale


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: