Pubblicato da: paroleingiaccablu | 11/05/2013

L’ipocrisia del bel paese non è certo colpa degli stranieri irregolari


La morte violenta, in qualsiasi modo essa venga cagionata, rimane e rimarrà sempre una sconfitta per questa società che ha il dovere di proteggere tutti i cittadini.

Dal germe della follia all’azione criminale pura le differenze sono tante, alcune sostanziali anche se il risultato è il medesimo ed è bene chiedersi quanta responsabilità abbiano tutti gli attori sociali coinvolti.

Oggi il germe della follia ha prodotto la morte di un ignaro passante trovatosi lungo la strada di un  cittadino straniero irregolare che l’ha ucciso a colpi di piccone. (http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/2013/05/11/886710-aggredisce_passanti.shtml )

Un azione criminale invece qualche giorno fa ha sottratto la vita all’Appuntato dei Carabinieri Tiziano Della Ratta che a Maddaloni (Ce) ha reagito all’azione delinquenziale di un giovane campano che, qualche giorno dopo, a seguito del conflitto a fuoco generatosi, ha lasciato anch’egli tra le grida e urla di dolore dei familiari, questa vita che spesso sembra non avere senso. (http://www.direttanews.it/2013/05/07/caserta-morto-il-giovane-malvivente-che-uccise-il-carabiniere-della-ratta/ ) Due morti, una doppia sconfitta per tutti!!

Da un assassinio a un altro, tra una polemica e quell’altra, ha scosso l’opinione pubblica anche l’omicidio di Ilaria Leone che a Castagneto Carducci (Li)  ha incontrato la morte violenta, in uno strano intreccio dove anche la droga, altro male dei nostri tempi, ha probabilmente contribuito ad aumentare il livello di disumanità in cui ogni giorno siamo sempre più immersi. (http://firenze.repubblica.it/cronaca/2013/05/03/news/livorno_uccisa_a_19_anni_il_mistero_del_cellulare-57956875/?ref=search )

Tra vittime e carnefici sembrerebbe scontato schierarsi con i primi ma in questa società pronta sempre a giustificare tutto e tutti si innesta un altro grosso problema irrisolvibile ossia l’ipocrisia.

Dell’assassino dell’Appuntato Della Ratta poco possiamo dire, in fondo ha raggiunto suo malgrado una certa equità che non può essere una soluzione ma deve essere considerata  l’ennesima sconfitta della collettività, quella che dovrebbe garantire di più suoi angeli custodi, quali sono i Carabinieri ma che troppe volte invece si ritrova a difendere le ragioni di chi delinque rispetto a quelle di chi invece quella collettività cerca di difendere.

Di chi oggi ha perso la vita a colpi di piccone e che è andato incontro al suo destino lo sconcerto è forse superiore, perché se l’Appuntato Della Ratta in fondo poteva mettere anche in conto che qualcosa potesse andare storta un comune cittadino Italiano ha il diritto invece di andare al lavoro alle 6 del mattino senza rischiare di essere ucciso gratuitamente.

Quel piccone è stato armato dalle mani di uno straniero così come straniera era la mano dell’assassino di Ilaria Leone, episodi per i quali lo scandalo odierno è che se pur dichiarati entrambi espulsi dal bel paese da diverso tempo sono rimasti comunque ad alimentare quel degrado sociale per il quale non possono essere riconosciuti colpevoli solo gli stranieri nemmeno se  non effettivamente espulsi.

Ritengo che l’ipocrisia e l’indignazione che governano la cronaca, a seguito di alcuni atti criminali, siano il frutto di quanto tutti, non solo la politica, abbia fatto poco per garantire questa società. Perché se è vero che lo Stato non ha garantito l’effettività di quei fogli di via per colpa  di procedure spesso inattuabili, quanto in realtà i cittadini Italiani si sono attivamente adoperati per verificare che le cose funzionassero come certe leggi stabiliscono ?

A quanti, cittadini Europei di questo strano paese, interessa nel quotidiano che non vi siano stranieri irregolari ? A ben vedere sono proprio loro la miglior fonte di reddito di certi Italiani, proprietari di certi alloggi dati in locazione in nero e  che oltretutto alimentano sul territorio nazionale  quel mercato del lavoro irregolare che garantisce manovalanza a basso costo e più alti profitti per molti!!!

Oggi in maniera ipocrita ci indigniamo di come muore stupidamente un Italiano, che sia un Carabiniere o un ignaro passante, vittime tutti di quelle leggi che colpevolmente, per vari gradi, non facciamo rispettare.  Quanti Italiani, effettivamente,  ogni giorno pretendono l’effettività delle leggi del nostro parlamento  ?

Non si dia sempre colpa a quello Stato che non c’è,  quello Stato siamo noi !!! Quello Stato deve sentire un segnale più forte su certe questioni, in fondo se la capacità di perseguire i reati viene meno non è come se tagliassero l’assistenza sanitaria di base per la quale giustamente tutti si mobilitano ??

No ?? ….no, per gli Italiani evidentemente no, perché dicevano che la sicurezza era tema solo di qualcuno e non di qualcun altro…che strano paese il nostro!

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: