Pubblicato da: paroleingiaccablu | 21/10/2012

Italia -/- Inghilterra: 0 – 1 … scopri le differenze… e nessuno chiede scusa!!!

Lo sostengo da sempre,  la vita e il vivere è una questione di prospettive, di educazione, di coscienza sociale umana e culturale perché gli occhi di un bambino giudicheranno proprio per questo, diversamente, il mondo rispetto a un adulto.

Nel variegatissimo panorama della cronaca mi sono state fatte balzare agli occhi due notizie che, apparentemente, non hanno alcun tipo di connessione, vista anche la distanza chilometrica tra le due vicende ma danno enormemente la misura di quanto, il mondo, non possa che essere per davvero una questione di prospettive culturali.

Così accade che a Milano, un poliziotto fuori servizio, attirato dalle urla di una signora appena rapinata di una collana, si pone all’inseguimento del rapinatore cercando di fare, nel limite delle sue attribuzioni, quello che la legge gli impone, ossia catturare il malvivente.

Di li a poco, durante il rocambolesco inseguimento, si unisce un altro poliziotto, anch’egli fuori servizio, che forse riconosciuto il collega in difficoltà nell’immobilizzare del fuggitivo, si unisce all’azione di placcaggio in attesa della volante del 113.

Nel frattempo i soliti ben pensanti, quelli che la “Polizia picchia e basta!”, quelli che dalla finestra hanno già lo SmartPhone in mano per filmare tutto, iniziano il loro grido di disapprovazione, incitando la folla ad assistere al pestaggio ad opera degli eroici poliziotti. La folla, che dovrebbe stare dalla parte dei buoni,  era invece lì che, al posto di aiutarli, magari mantenendo calma la situazione, pensava solo ad inveire  contro gli agenti  additandoli come fossero loro i criminali.

Quei Poliziotti, invece,  eroi di tutti i giorni,   che, in quanto “cattivi”, venivano nel frattempo  “giustamente” presi a morsi da colui che aveva appena compiuto una rapina e che veniva  così di conseguenza  incitato  dalla folla a reagire all’arresto.

Forse qualcuno si sta interrogando sul perché ritengo eroi quei Poliziotti visto che stavano compiendo un dovere. Il motivo in realtà è semplice perché oggi come oggi con la folla sempre pronta a demonizzare chi vuole solo fare il proprio dovere è da eroi mettersi nelle condizioni di tutelare, oltretutto liberi dal servizio, in borghese, tra mille rischi e strumentalizzazioni post-mediatiche da “Filmato Shock”,  il diritto di una signora a portare liberamente in giro una collana.

A ciascuno la propria valutazione della notizia (http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_ottobre_20/rapinatore-morde-poliziotto-braccio-passanti-difendono-malvivente-2112345865542.shtml#.UILyl_jcmog.facebook) .

Ecco quindi spostarci di qualche migliaio di chilometri a nord, a Londra, la scena è una di quelle che  possiamo godere in tantissime città Italiane, situazione di potenziale pericolo, area interdetta al passaggio delle persone.  Arriva la “presunta autorità di turno”, quella tipicamente del “Lei non sa chi sono io!?!?!”, alla quale viene vietato il passaggio per ragioni di sicurezza come si farebbe con chiunque.

L’audace cittadino inglese a cui calzerebbe a pennello la rituale frase è un deputato dei conservatori, tal Mitchell, capogruppo del parlamento Inglese.

L’uomo, in un impeto di onnipotenza, si abbandona ad una frase nei confronti del Bobby che suona più o meno così “Questo scherzo le costerà il posto di lavoro!!!”.

Il poliziotto serio, orgoglioso, non fa passare l’arrogante deputato poichè certo del fatto che i suoi capi sono tali, che non chiederanno scusa a nessuno e che  riterranno gioco forza l’operato dell’Agente conforme alle direttive. Il Poliziotto minacciato quindi  non fa altro che riferire ai suoi superiori l’accaduto per procedere legalmente nei confronti di chi è innanzitutto un cittadino che ha senza alcun ombra di dubbio minacciato un pubblico ufficiale nell’esercizio delle proprie funzioni.

Il Deputato Mitchell, a seguito di questi fatti, oltre ad essere stato pesantemente biasimato dall’area politica di appartenenza è stato costretto a dimettersi dal suo incarico istituzionale perché il suo gesto lo ha reso incompatibile a ricoprirlo.

Qui, per voi, la notizia (http://www.repubblica.it/esteri/2012/10/20/news/conservatori_gb_lascia-44904920/?fb_action_ids=4514467991452&fb_action_types=og.recommends&fb_ref=s%3DshowShareBarUI%3Ap%3Dfacebook-like&fb_source=aggregation&fb_aggregation_id=288381481237582).

Leggiamo spesso in Italia di politici e affini che nell’arroganza del loro potere si permettono gesti di ben più grave caratura o che si sentono lesi della loro maestà per questioni ridicole (vedi il caso del Prefetto di Napoli che si è sentito immotivatamente offeso – http://video.repubblica.it/edizione/napoli/il-prete-anti-camorra-umiliato-dal-prefetto-non-puo-chiamarci-signori/108347/106732?fb_action_ids=4559478312421&fb_action_types=og.recommends&fb_source=other_multiline&action_object_map=%7B%224559478312421%22%3A210159489115834%7D&action_type_map=%7B%224559478312421%22%3A%22og.recommends%22%7D&action_ref_map=%5B%5D – ) così come non ci scandalizziamo, e dopo recenti fatti ancora meno, di quanto la pubblica opinione nell’immediato si scagli immediatamente contro le forze dell’ordine.

La mia domanda, a questo punto, è la seguente: possiamo continuare a farci prendere a morsi dai rapinatori sentendoci insultare dalla popolazione quando nella vicina Inghilterra chi si permette di minacciare un pubblico ufficiale  perde completamente  sin’anche di credibilità politico istituzionale ?

Che qualcosa in questa italica società si fosse rotto ce ne siamo accorti da tempo ma appare evidente che si sia arrivati a un  punto di non ritorno.

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Responses

  1. caro Michele….benvenuto in Italia….gli italioti sono diventati i migliori giacobini contro la casta della politica dimenticandosi,pero`, che i politici non si sono eletti da soli…che siamo il popolo dell’amico dell’amico ect ect.

  2. possiamo anche diffondere questo bel pezzo di cronaca,ma credo sarebbe tempo perso.
    chernobyl prima,e fukushima dopo qualche danno lo hanno fatto nelle menti gia vacillanti dell’italiano medio,fortunatamente qualcuno anche resiste stoicamente.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: