Pubblicato da: paroleingiaccablu | 14/10/2012

…è la trasparenza che non basta più…

Vorrei avere fiducia negli italiani, questo popolo fatto di grandi menti e innovatori, così da poter credere che dopo esserci lacerati per giorni qualche cosa veramente cambi non solo nei confronti dei cuccioli di uomo, oggetto di inutile faida tra coloro che dovrebbero semplicemente amarli, ma anche in questa società che troppo facilmente critica per assolvere se stessa da reiterati e altrettanto gravi fatti che a denunciarli tutti insieme non basterebbero quintali di carta.

Se qualcosa non cambierà nei cittadini certamente qualcosa cambierà nella coscienza di moltissimi operatori della forza pubblica che ogni giorno e sempre più spesso scendono in strada con la consapevolezza che equilibrio, senso della responsabilità e bassissimo profilo, anche quando si avrebbe tutte le ragioni per tenerlo alto, non bastano più per tenersi lontano dalle facili strumentalizzazioni mediatiche e dal tribunale mediatico-popolare.

Un processo che sfocia, molte volte, in un massacro di spese legali che devono essere sostenute per intero dal “pre-giudicato” reo…di cui forse un giorno vedrà parziale o totale rimborso, se innocente, da parte dell’amministrazione di appartenenza che ovviamente non si cura del bilancio familiare, di un possibile mutuo o di altre gravi questioni che possono coinvolgere chiunque, anche i poliziotti.

Non può quindi non cambiare qualcosa perché certi contrasti e evidenti incongruenze, con troppe parole di appoggio da parte dei più alti vertici delle istituzioni pubbliche a discapito di chi ha verosimilmente  fatto più di qualche errore nella gestione di un qualsiasi delicatissimo intervento di polizia, genera in chi quegli interventi dovrà affrontarli in futuro, la paura se non la certezza, di non poter più operare con la necessaria serenità che solo l’appoggio delle istituzioni di cui si fa parte può garantire.

Lavorare con trasparenza è quindi non solo un dovere ma una necessità imprescindibile di qualsiasi categoria che specialmente lavori in un ramo dell’amministrazione pubblica. Un meccanismo, quello della trasparenza totale, che non viene certamente sottovalutato nemmeno dalle forze dell’ordine e che spesso vede proprio in chi opera in quel settore la necessità di filmare ciò che si andrà a fare.

Ma anche questo pare non serva più, non basta, ostaggio di ciò che può essere strumentalizzato o generato in base a quello che piace alla gente: chi ama certe divise continuerà ad amarle, chi le odia si ostinerà a definire false anche le evidenze più chiare.

Questa dicotomia sociale e culturale  è un grosso problema, crea paura, disagio, ulteriore incapacità del singolo operatore e del sistema, di per se già pieno di criticità, a fornire meno risposte di quante già poche, purtroppo, riesca a dare.

Così che qualsiasi operatore della forza pubblica per diminuire il pericolo di finire nelle maglie del tritacarne mediatico, non farà altro che rinchiudersi tra i quattro finestrini della propria pattuglia o tra le mura del proprio ufficio, limitando al massimo la propria opera cercando solo di mantenersi nei canoni della non omissione previsti dalla legge.

Qualcuno forse, in tutto questo, non scorge chissà quale pericolo ma vi posso garantire che se non ci si affida alla risorsa umana in tutta la sua accezione più positiva, quando può essere tale,  per condurre qualsiasi tipo di attività il risultato non potrà che essere un ibrido e mediocre operato di cui tutti, in ogni caso, continueranno a lamentarsi.

Questa è l’Italia che abbiamo voluto e questo accadrà se non si comincia a lavorare seriamente tutti insieme, società civile e militarmente organizzata, a uscire con onestà da certe storture  così da evitare di continuare a perdere credibilità agli occhi di chi  “accusa”  le divise di pagar loro lo  stipendio.

Michele Rinelli –  In Giacca Blu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: