Pubblicato da: paroleingiaccablu | 01/01/2012

Buon Anno con botti, morti e feriti – BASTA!

Un triste rituale attende la rassegna stampa dei cultori della notizia, aprire le pagine web per vedere com’è iniziato il nuovo anno è sempre la stessa cosa:  “Botti di capodanno, morti e feriti”…anzi che qualche anno i morti ce li siamo pure risparmiati!!!!

Quando scendi poi nel dettaglio della cronaca e cerchi di valutare con occhio critico il perchè di tale ripetersi di eventi così assurdi e così tragici ti accorgi che le aree geografiche e il settore  socio culturale coinvolto è quasi sempre  il medesimo da Nord a Sud  e Napoli ,  quasi tutti gli anni, veste la maglia di capitale della tragedia.

Un triste primato a cui i Napoletani non vogliono proprio rinunciare anzi, se qualche anno i morti ce li siamo risparmiati proprio a Napoli  i feriti, quelli,  non mancano proprio mai!

La fiera degli orrori tra dita, mani, occhi, piedi che non potranno e non faranno più il loro dovere al posto di diminuire, attraverso quella che dovrebbe essere una naturale consapevolezza umana e sociale, al contrario mantiene uno trend costante con leggeri picchi in salita o in discesa.

E non bastano le campagne di sensibilizzazione , i sequestri mastodontici, le tonnellate di polvere pirica requisite; la cosa assurda è che c’è una buona fetta di popolazione, specie nel sud Italia, che non riesce a fare tesoro delle cronache degli anni passati per abbassare il rischio reale, concreto, evidente, distruttivo dell’uso di certi giochi pirotecninci.

A Roma quest’anno il caso più eclatante, un uomo già noto per detenzione di esplosivi, già colto nella commissione di tale  reato in passato, abitante in un palazzo già oggetto di perquisizione a seguito della quale sono stati fatti dei sequesti di botti,  durante una pericolosa sequenza pirotecnica, fatta deflagrare addirittura in casa, perde la vita e ferisce alcuni bambini che stavano festeggiando l’arrivo, insieme alla sua incoscienza, dell’anno nuovo.

Ora, si potrà anche pensare che chi è causa del suo mal pianga se stesso perchè di certo non piango per chi fa di tutto, e questo “bravo” cittadino Romano di tutto ha fatto per non raccontarla,  ma quando l’incoscienza si trasforma in mutilante tragedia per delle innocenti creature mi chiedo cosa davvero si debba fare in termini di prevenzione di certi fenomeni.

Anche solo la diffusione delle notizie di questo tenore negli anni dovrebbero fungere da deterrente, costituire prevenzione…. e invece…

Non può essere colpa delle istituzioni o solo delle istituzioni visto che, come dicevo, certe notizie sono le aperture dei TG di capodanno da sempre ed è per questo che  taluni soggetti, come nel caso di Roma, non possono non essere resi innocui il giorno di capodanno ed è per loro che quindi mi auspico un intervento legislativo serio e che ad esempio  li obblighi a firmare  presso gli uffici di polizia ogni 15 minuti a partire dalle 23 del 31 dicembre fino alle 02.00 del 1 gennaio così da non far passare a casa, con i loro familiari, insieme a potenziali innocenti quell’evento che per loro non è una festa ma solo una stupida e tragica guerra.

Buon Anno, auguri a tutti e senza botti….tranne quelli delle bottiglie di spumante!!!

Michele Rinelli – In Giacca Blu

Annunci

Responses

  1. Ben detto. Buon anno a te e…CIN CIN……

    • bell’articolo…anche se siamo goccioline in mezzo al mare…Buon Anno Nuovo!! Carlo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: