Pubblicato da: paroleingiaccablu | 18/11/2011

Un nuovo mondo è possibile, buon lavoro al Prefetto Anna Maria Cancellieri


Sono stati giorni frenetici quelli che hanno visto la nascita del governo Monti, uno zapping continuo tra le dinamiche dei palazzi e quelle dei mercati che quasi quasi ci hanno ubriacati facendoci scordare le mille problematiche che hanno afflitto l’Italia negli ultimi tempi. Non abbiamo parlato più, ad esempio, dei disastri in Toscana e Liguria ma nell’attesa del “Messia Monti” abbiamo perso di vista che dal fango, da quello vero, come quello che centinaia di volontari hanno spalato nel nordovest, dobbiamo uscirne noi, con le nostre forze, cittadini coscienti, maturi, europei, consci di un etica che deve cambiare e che la politica non potrà mai veramente esprimere se non saranno i cittadini a volerla per davvero, dal basso!

Ed è un occasione questo “Governomonti”, una possibilità vera di rinascita di un paese come l’Italia che mai come oggi, dal dopo guerra, sta per avere la possibilità di cambiare davvero qualcosa nelle sue fondamenta anche se, come dicono in molti, un esecutivo che non è espressione di un voto democratico rappresenta più una sconfitta che una vera volontà di rinascita democratica. E con spirito di fiducia però che dobbiamo crederci tutti che un nuovo mondo è possibile e che forse, a questo punto, è meglio non fare troppe punte alle matite nonostante questo governo per alcuni rappresenti l’ennesimo conflitto di interessi che dalle TV è passato alle banche.

Ed è così che nel mio mondo, quello delle Giacche Blu, dove sembra che quel fondo sia già arrivato da un pezzo e dove oramai si è cominciato a scavare, in quel microcosmo in divisa dove in molti dall’esterno vogliono far credere si muovano dinamiche totalmente differenti da quelle della società civile, nonostante della società civile, a mio avviso, si è una delle massime espressioni in positivo e in negativo, ed è proprio da qui, da quelle passioni che si muovono sotto i drappi delle uniformi che anch’io confido che finalmente qualcosa cambi. Che cambi davvero il modo di concepire il servizio al cittadino, la professionalità spendibile ai suoi occhi, riappropriandoci di quella capacità di restituirci dignità e rispetto e di non assistere a scene dove  durante un normale controllo su strada il cittadino ci chieda  “Mi scusi posso andare a urinare dietro quell’albero ? “;  scene queste che danno la dimensione di quanto poco rispetto vi sia per quell’abito “sacro” che ogni giorno indossiamo con orgoglio.

E in quella voglia di rinascita che in molti hanno tra le divise e in pochi riescono a esprimere per le più svariate ragioni che saluto personalmente con viva speranza la nomina di Anna Maria Cancellieri, già Prefetto della Repubblica nonché commissario prefettizio di importanti città come Parma e Bologna, perchè nell’arrivo nello “Staff Tecnico” del Presidente Mario Monti di una donna con il suo curriculum professionale che intravedo, se gliene sarà data l’opportunità, un occasione di un nuovo corso magari studiando, insieme a quella commissione già al lavoro, una riforma della pubblica sicurezza che possa restituirci la possibilità di poter essere davvero polizia, di poter accrescere professionalità, capacità operative, vicinanza al cittadino ed efficacia vera nelle operazioni perché gli ultimi anni sono stati un declino continuo e costante per colpa di un sistema frammentato e costoso che non consente, con casse sempre più vuote, di fornire al cittadino un servizio e un opera sempre al passo con i tempi e con le esigenze della popolazione.

Ed è in questo passaggio tecnico della politica che vorrei personalmente intravedere un cambio di rotta, un ritorno alla razionalità (e non alla razionalizzazione ulteriore e deleteria ) del comparto restituendo coesione, specificità, risorse e mezzi a tutti gli attori in campo anche al costo di assistere, per ragioni di funzionalità e spesa, anche a un’ unificazione delle forze così da abbattere quei capitoli economici così pesanti e così devastanti per uno Stato in emergenza economica qual è il nostro.

Così quindi, con tanta fiducia e speranza che auguro al Prefetto  Anna Maria Cancellieri un buon lavoro, affinchè possa far rinascere tutto il comparto della pubblica sicurezza, elemento cardine e imprescindibile di ogni solida democrazia.

Michele Rinelli – in Giacca Blu –

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: